venerdì 30 settembre 2011

Un po' di storia

Cembalo scrivano

A quale inventore viene attribuita la macchina da scrivere?

Domenica mattina di Novembre di qualche anno fa entrai in una libreria a Portobello Road e chiesi, sicuro di trovarne una vasta scelta, un libro sulle "typewriters". Il ragazzo, un tipo sveglio sulla ventina, mi guardò con lo sguardo di chi ha a che fare con uno squilibrato e prontamente mi rispose:"typewhat?". E cosi con il mio inglese e con ampia gestualità cercai di spiegare al ragazzo l'antenato del computer e il futuro delle tavolette di Hammurabi.

Da quel giorno ho letto vari libri e visitato numerosi siti sulla rete e se devo spiegare a qualcuno chi è l'inventore della macchina da scrivere dico Agostino Fantoni nel 1802.

Oggi lettere d'amore, romanzi, cronache e report di guerra sono imput digitali sordi e incompleti: tvb, asap, xxx, etc.

Be' mi piacerebbe inventare una tastiera wirless che riproduca i suoni delle diverse macchine da scrivere così' da poter apprezzare il ticchettio di una stower o di una nostrana olivetti e magari decidere il ritorno a capo dopo un tot di battute selezionando una scelta di vari campanelli. Purtroppo o fortunatamente non sono un inventore e così scrivo su questo blog e colleziono macchine da scrivere.

Il Cembalo Scrivano è il primo vero prototipo di macchina per scrivere.
Inventato da Giuseppe Ravizza (1811-1885), è la macchina di scrittura più completa fino alla comparsa della Remington Mod. 1 (1873) ed annovera in sé tutte le caratteristiche principali delle successive macchine per scrivere.
Il nome deriva dalla somiglianza con i tasti del Cembalo.

alla prossima....
Posta un commento